Piano rientro - Fase 1 || Misure organizzative a.s. 2020/2021

IC SAN NILO – GROTTAFERRATA

Delibera Collegio Docenti n. 1 dell’ 8 settembre 2020

Delibera Consiglio Istituto n. 1 dell’ 8 settembre 2020  

 

PREMESSA

L'avvio dell'anno scolastico rappresenta normalmente un periodo particolarmente delicato per le scuole, a maggior ragione quest'anno a causa del perdurare dell'emergenza Coronavirus.

Il settore scolastico è stato classificato in questa circostanza con un livello di rischio integrato medio-basso ed un rischio di aggregazione medio-alto.

Da quanto qui richiamato, deriva la necessità di attenersi alle indicazioni tecniche della Sanità, senza sminuirne le prescrizioni (per non innalzare in maniera ingiustificata il rischio) e senza, al contempo, incrementare illogicamente le prescrizioni medesime, venendo meno al principio di proporzionalità. In altri termini, nel momento in cui la scuola è chiamata a predisporre le misure per il rientro in sicurezza degli alunni e del personale, occorre essere consapevoli che, nella procedura di analisi, prevenzione e gestione del rischio, va seguita la linea della ragionevole prudenza e della temperata valutazione del rischio. Non possono essere adottate irragionevoli posizioni ottimistiche (“andrà tutto bene”) o pessimistiche (“non riaprite le scuole perché mettereste a repentaglio la salute dei nostri figli”).

Necessita pertanto una collaborazione attiva di alunni e famiglie che dovranno continuare a mettere in pratica i comportamenti generali previsti per il contrasto alla diffusione dell’epidemia, nel contesto di una responsabilità condivisa e collettiva, nella consapevolezza che la riapertura delle scuole potrebbe comportare il rischio di nuovi contagi. L’esigenza sociale di riapertura delle scuole e costituzionale di diritto allo studio chiamano pertanto ad una corresponsabilità di fronte ad un rischio accettabile, ma non completamente azzerato.

 

RIFERIMENTI NORMATIVI

  • Documento tecnico sull’ipotesi di rimodulazione delle misure contenitive nel settore scolastico elaborato dal Comitato Tecnico Scientifico il 28/05/2020;
  • Piano scuola 2020-2021. Documento per la pianificazione delle attività scolastiche, educative e formative in tutte le Istituzioni del Sistema nazionale di Istruzione - Decreto del M.I. 26/06/2020 n. 39;
  • USR Lazio. Suggerimenti operativi in merito all’organizzazione degli spazi e degli arredi nelle aule, dalla scuola primaria alla secondaria di secondo grado - Nota n. 18020 del 13/07/2020;
  • Documento di indirizzo e orientamento per la ripresa delle attività in presenza dei servizi educativi e della Scuola dell’Infanzia del 3/08/2020;
  • Linee Guida per la Didattica Digitale Integrata del 7/08/2020;
  • Rapporto ISS COVID-19 n. 58 del 21 Agosto 2020 – Indicazioni operative per la gestione di casi e focolai di SARS-CoV-2 nelle scuole e nei servizi educativi dell’Infanzia.
  • USR per l’Emilia Romagna. ANNO SCOLASTICO 2020/21 E COVID-19. MATERIALI PER LA RIPARTENZA.

 

Nella redazione del documento ci si è basati prevalentemente sulle sopracitate indicazioni e norme, tenendo presente che le indicazioni sono espresse rispetto all’attuale situazione epidemiologica. Esse sono cioè da considerarsi valide oggi ed eventualmente modificabili in relazione al mutare delle condizioni sanitarie nel corso dell’anno scolastico 2020/2021.

Questo perché non è possibile una previsione scientifica attendibile degli sviluppi futuri dell’epidemia, non è neppure possibile una attendibile analisi del rischio da infezione nei pazienti pediatrici e del rischio da questi veicolato alla popolazione adulta e, del resto, è preoccupante il numero altissimo di persone che, in un modo o nell’altro, possono venire a contatto fra loro in ragione della riapertura delle scuole.

A fronte del fatto che il rischio zero nella situazione delineata non esiste, va precisato però che la scuola che ristabilisce le lezioni in presenza è un’istituzione che riguadagna il suo ruolo completo e integrale all’interno della società e della comunità educante e che si propone come organismo che contribuisce in modo significativo alla promozione ed al rilancio del territorio in cui è inserita.

 

MISURE DI SISTEMA

Distanziamento fisico

Come stabilito dal CTS sarà necessario predisporre un distanziamento fisico di 1 metro tra ciascun alunno e di 2 metri dalla postazione del docente. Per perseguire tale obiettivo sono stati previsti:

  • Ottimizzazione e potenziamento delle risorse, degli spazi e adeguate soluzioni organizzative, con il coinvolgimento diretto degli USR e degli EE.LL.
  • In assenza e nell’impossibilità di garantire il distanziamento gli alunni dai 6 anni in poi e il personale dovranno utilizzare la mascherina.

Spostamenti e ingressi scaglionati

  • Differenziazione degli orari di ingresso e uscita per la Scuola dell’Infanzia e utilizzo di tutti i cancelli e ingressi nei plessi (comprese porte-finestre, scale antincendio) per evitare assembramenti.
  • Gli alunni potranno essere accompagnati a scuola da un solo genitore o delegato.

 

MISURE ORGANIZZATIVE

Mappatura di spazi e attività

  • Tutti gli spazi interni ed esterni destinati ad attività didattiche sono stati mappati in rapporto al numero di alunni e di personale al fine di assicurare quanto più possibile la didattica in presenza. La modalità didattica a distanza (DAD) costituirà attività integrativa (Didattica Digitale Integrata), ma non sostitutiva (tranne nel caso di nuove chiusure).

Analisi delle possibili situazioni di assembramento

  • È stata effettuata un’analisi al dettaglio dei punti comuni (percorsi di entrata e uscita, spostamenti interni, orari, ricreazione, refezione, attività motorie…) ponendo particolare attenzione alle situazioni a rischio di affollamento e aggregazione non strutturata (fuori dall’aula).

Condizioni per la presenza a scuola di alunni e personale

  • Assenza di sintomatologia respiratoria o di temperatura corporea superiore a 37,5°C anche nei tre giorni precedenti;
  • Non essere stati in quarantena o isolamento domiciliare negli ultimi 14 giorni;
  • Non essere stati a contatto con persone positive, per quanto di propria conoscenza, negli ultimi 14 giorni.

 

CON SINTOMATOLOGIA RESPIRATORIA O TEMPERATURA CORPOREA SUPERIORE A 37,5°C SI DEVE RESTARE A CASA.

Presenza di sintomatologia compatibile con virus COVID 19

Nel caso in cui durante la giornata l’alunno segnali un malessere caratterizzato da sintomatologia respiratoria e febbre, le famiglie saranno prontamente avvisate e dovranno portare quanto prima il figlio a casa, per poi seguire il percorso già previsto dalla norma vigente per la gestione di qualsiasi caso sospetto. Durante l’attesa dei familiari gli alunni sosteranno in spazi dedicati, assistiti ad 1 metro di distanza da personale scolastico munito di mascherina. Se tali alunni fossero dotati di mascherina di comunità, saranno forniti immediatamente di mascherina chirurgica.

Analogamente ciascun lavoratore sarà tenuto ad informare tempestivamente il Dirigente Scolastico o un suo delegato (REFERENTE COVID) della presenza di sintomi negli alunni, nonché della presenza di qualsiasi sintomo influenzale durante l’espletamento della propria prestazione lavorativa. In tal caso il lavoratore rimarrà a distanza di almeno 1 metro da altre persone, terrà costantemente la mascherina chirurgica e si valuterà la possibilità di terminare anticipatamente il servizio.

Qualora alunni, genitori, docenti e personale ATA o loro familiari contraggano il virus Covid 19, dovranno immediatamente darne informazione alla Dirigenza Scolastica per l’attivazione delle misure preventive più opportune.

Al rientro il personale e gli alunni, già risultati positivi all’infezione da Covid-19, dovranno presentare una certificazione medica da cui risulti l’avvenuta negativizzazione del tampone secondo le modalità previste e rilasciata dal Dipartimento di prevenzione territoriale di competenza. 

Organizzazione per garantire il distanziamento fisico

  • Differenziazione ingresso e uscita alunni Scuola Infanzia con scaglionamento orario e utilizzo, per gli alunni di ogni ordine di scuola, di tutte le vie di accesso, compatibilmente con le caratteristiche strutturali dell’edificio scolastico, al fine di differenziare e ridurre il carico e il rischio di assembramento;
  • Prevenire gli assembramenti di persone (alunni e personale), negli spazi scolastici comuni (corridoi, bagni, sala docenti…) differenziando gli orari di ricreazione, di utilizzo dei distributori automatici, di utilizzo degli spazi esterni;
  • Ridurre al minimo la presenza di genitori o loro delegati nei locali della scuola se non strettamente necessari (entrata, uscita scuola infanzia). I colloqui con le famiglie avverranno esclusivamente in modalità A DISTANZA (Google meet). A tale scopo è stato introdotto il registro elettronico anche per la scuola dell’Infanzia;
  • Limitare l’utilizzo dei locali della scuola esclusivamente alla realizzazione di attività didattiche;
  • Accordi e collaborazioni con il territorio (EE.LL., Associazioni, Biblioteche…) al fine di aumentare gli spazi didattici complessivi e favorire, per quanto possibile, le attività all’aperto;
  • Richiesta al MI di personale (Docenti e CS) per sezioni/classi aggiuntive.

Aule e altri locali

  • Rimodulazione dei banchi, dei posti a sedere e degli arredi scolastici, per garantire il distanziamento interpersonale di almeno 1 metro, anche in considerazione dello spazio per il movimento.
  • Rimozione armadi, cattedre e ogni arredo non essenziale dalle aule;
  • Acquisto banchi monoposto;
  • Segnalazione al suolo, per assicurare il distanziamento richiesto, del posizionamento dei banchi;
  • Utilizzo spazi mensa, aula magna, laboratori per sezioni/classi alunni;
  • Abbattimento/innalzamento pareti.
  • Negli altri locali scolastici destinati alla didattica (aula magna, laboratori, biblioteca…), rispetto alla numerosità degli alunni, dovrà essere considerato un indice di affollamento tale da garantire il distanziamento interpersonale di almeno 1 metro anche in considerazione delle attività didattiche specifiche che vi saranno svolte (es. attività musicale con strumenti a fiato, coro…dovranno prevedere un distanziamento maggiore di 1 metro).

Spazi comuni

  • Aree di ricreazione, corridoi: strutturazione di percorsi per garantire il distanziamento tra le persone, limitando gli assembramenti, anche attraverso apposita segnaletica.
  • Ricreazione e attività motorie: compatibilmente con le variabili strutturali, di sicurezza e metereologiche, sarà privilegiato lo svolgimento all’aperto, valorizzando lo spazio esterno quale occasione alternativa di apprendimento.

Palestre

  • Attività di educazione fisica: dovrà essere garantita adeguata aerazione e un distanziamento interpersonale di almeno 1 metro. Sconsigliati i giochi di squadra e gli sport di gruppo che prevedono contatto, saranno privilegiate le attività fisiche individuali (o di gruppo) che permettano comunque il distanziamento fisico.

Pasto a scuola

  • Sarà garantito il consumo del pasto scolastico in aula (lunch box) per consentire il distanziamento. I docenti, d’intesa con la ditta fornitrice del servizio, organizzeranno, con un progetto educativo, la distribuzione dei lunch box in base all’età degli alunni.
  • L’aula dovrà essere igienizzata prima e dopo il pasto.

Aerazione dei locali

  • I locali scolastici destinati alla didattica dovranno essere dotati di finestre per garantire un ricambio d’aria regolare e sufficiente, favorendo in ogni caso possibile, l’aerazione naturale.

Distributori automatici

  • Sono segnalate a terra le distanze per l’attesa; prima dell’uso sarà necessario disinfettare le mani con soluzione idroalcolica a disposizione accanto al distributore (obbligo sia per personale che per alunni).

Cartellonistica

  • È stata collocata, dietro indicazione dell’RSPP, apposita cartellonistica e segnaletica all’esterno e all’interno degli edifici scolastici con la finalità di indicare e palesare norme e condizioni di accessibilità, misure igienico-sanitarie da rispettare ecc.

DVR

  • L’RSPP ha provveduto ad una integrazione del documento di valutazione dei rischi a seguito delle misure previste per contenere la diffusione del virus COVID-19.

Organi Collegiali

  • Le riunioni degli OO.CC. saranno organizzate, preferibilmente, in modalità a distanza.

 

MISURE IGIENICO-SANITARIE

Igiene degli ambienti

L’igiene degli ambienti rispetterà le indicazioni fornite dal CTS.

  • La scuola è una forma di comunità, come già detto, con un rischio di aggregazione medio-alto, per cui la pulizia degli ambienti e delle superfici con un detergente neutro sarà integrata, in particolari circostanze, con la disinfezione attraverso prodotti con azione virucida;
  • Prima della riapertura della scuola: pulizia approfondita, ad opera dei collaboratori scolastici, dei locali della scuola destinati alla didattica e non, compresi androni, corridoi, bagni, uffici di segreteria e ogni altro ambiente di utilizzo;
  • Quotidianamente: pulizia da effettuare secondo le indicazioni dell’ISS;
  • Aule dove si consuma il pasto: pulizia/sanificazione prima e dopo il pasto;
  • Sarà posta particolare attenzione alle superfici più toccate quali maniglie e barre delle porte, delle finestre, sedie e braccioli, tavoli/banchi/cattedre, interruttori della luce, corrimano, rubinetti dell’acqua, pulsanti dell’ascensore, distributori automatici di cibi e bevande, ecc;
  • Nei plessi di scuola dell’infanzia alla disinfezione dovrà seguire la fase di risciacquo soprattutto degli oggetti, come i giocattoli, che potrebbero essere portati in bocca dai bambini;
  • Servizi igienici: sarà posta particolare attenzione alle misure di pulizia e igienizzazione di tali locali con prodotti specifici. Se dotati di finestre, queste dovranno rimanere sempre aperte; se privi di finestre, gli estrattori d’aria dovranno essere mantenuti in funzione per l’intero orario scolastico;
  • Sono stati predisposti contenitori appositi per lo smaltimento dei dispositivi di protezione (mascherine e altro).

Igiene personale

  • Posizionamento di prodotti igienizzanti (dispenser di soluzione idroalcolica o a base di altri principi attivi con numero registrazione o autorizzazione del Ministero della Salute) per l’igiene delle mani per gli alunni e il personale in più punti degli edifici scolastici e, in particolare, in ciascuna aula per permettere l’igiene delle mani all’ingresso in classe, favorendo comunque in via prioritaria il lavaggio con acqua e sapone neutro;
  • Tutto il personale dovrà indossare la mascherina chirurgica per tutto il periodo di permanenza nei locali scolastici. I docenti potranno toglierla, mantenendo la distanza di sicurezza da tutti gli alunni, per favorire la comprensione delle spiegazioni e nel caso siano presenti alunni ipoudenti per permettere la lettura del labiale;
  • Gli alunni, ove non fosse possibile mantenere il distanziamento, dovranno indossare la mascherina chirurgica o di comunità di propria dotazione, fatte salve le dovute eccezioni (attività fisica, pausa pasto). Non sono soggetti all’obbligo i bambini al di sotto dei sei anni, nonché i soggetti con forme di disabilità non compatibili con l’uso continuativo della mascherina, ovvero i soggetti che interagiscono con i predetti. Non sono necessari ulteriori dispositivi di protezione.

Disabilità e inclusione

  • Per l’assistenza di alunni con disabilità certificata, non essendo sempre possibile garantire il distanziamento fisico dell’alunno, può essere previsto per il personale l’utilizzo di ulteriori dispositivi. Nello specifico in questi casi il lavoratore potrà usare, unitamente alla mascherina chirurgica, guanti in nitrile e dispositivi di protezione per occhi, viso e mucose. Nell’applicazione delle misure di prevenzione e protezione si dovrà necessariamente tenere conto delle diverse disabilità presenti;
  • Alunni immunodepressi o con problemi di salute suscettibili al COVID-19: i genitori saranno invitati a valutare insieme al medico curante e/o alla pediatria di comunità e al medico competente quali azioni/misure sarà opportuno intraprendere;
  • Sarà verificato che tutta la cartellonistica sia accessibile anche agli alunni con problemi sensoriali, DSA, stranieri ecc.;
  • Per gli alunni con problemi comportamentali (sputare, mordere…) o con particolari condizioni fisiche (perdita di saliva…) si valuterà con il medico competente l’uso di DPI aggiuntivi o diversi per il personale scolastico e, per i momenti di socializzazione, per i compagni;
  • Particolare attenzione sarà posta nei confronti degli alunni ipovedenti ai fini del corretto e quanto più possibile autonomo utilizzo dei servizi igienici;
  • Gli alunni ipovedenti saranno educati al rispetto autonomo del distanziamento fisico, anche con il supporto di associazioni e tiflodidatti;
  • Nel caso di alunni ipoudenti, i docenti potranno indossare, in luogo della mascherina, visiera trasparente per permettere la lettura del labiale.

 

COMUNICAZIONE, INFORMAZIONE, FORMAZIONE

  • Saranno promosse azioni di prevenzione, informazione e formazione – frequente e diffusa – del personale scolastico, degli alunni e delle famiglie, mediante l’utilizzo di tutti i mezzi (registro elettronico, mail, sito istituzionale, cartellonistica…);
  • Gli alunni saranno responsabilizzati ad assumere comportamenti e procedure corrette, anche mediante simulazioni delle procedure di ingresso/uscita, sul modello delle prove di evacuazione;
  • Saranno progettati e attuati percorsi e attività di accoglienza – differenziati per alunni, personale, famiglie – a supporto di: relazione, autonomia, procedure di sicurezza, competenze digitali…;
  • Saranno condivise con le famiglie, tra l’altro, le procedure individuate di accompagnamento e ritiro dei figli da scuola;
  • Saranno organizzati, prima dell’inizio dell’attività didattica (14 settembre) incontri a distanza con le famiglie degli alunni per informare sulle corrette procedure da svolgere ai fini del contenimento del COVID-19 e per la tutela della salute;
  • È stato previsto sul sito della scuola uno spazio tematico dedicato alle informazioni necessarie;
  • L’accesso delle famiglie agli uffici di segreteria sarà possibile soltanto per casi di urgenza non derogabili. Per accedere agli Uffici sarà necessario indossare la mascherina e mantenere le distanze indicate. Per tutte le necessità e richieste si dovranno utilizzare la posta elettronica e/o il telefono;
  • Sarà pubblicato sul sito dell’IC e inviato a tutte le famiglie il Patto di Corresponsabilità così come integrato a seguito dell’emergenza COVID-19;
  • Sarà riorganizzata l’attività di orientamento in entrata (OPEN DAY), privilegiando numero chiuso e visite su prenotazione.

 

SCUOLA DELL’INFANZIA

Per la Scuola dell’Infanzia non è previsto il distanziamento fisico di 1 metro, ma gli alunni verranno ospitati in locali con maggiore ampiezza o con una riduzione del numero di alunni per sezione/gruppo. Questo richiederà particolari accorgimenti sia organizzativi che nel comportamento del personale.

Sono state richieste risorse addizionali di personale Collaboratore Scolastico per assicurare la pulizia assidua delle superfici, il lavaggio frequente delle mani e di Personale Docente per consentire la riduzione del numero di alunni per sezione/gruppo.

Si raccomanda di evitare di portare oggetti da casa.

Gli alunni della Scuola dell’Infanzia NON dovranno indossare la mascherina.

Potrà essere previsto per il personale l’utilizzo di ulteriori dispositivi (es. guanti in nitrile e dispositivi di protezione per occhi, viso e mucose) oltre la consueta mascherina chirurgica.

Gli ingressi e le uscite degli alunni avverranno in modalità scaglionata per evitare assembramenti. Le famiglie sono tenute al rigoroso rispetto degli orari. NON SI POTRÀ ENTRARE AL DI FUORI DEGLI ORARI INDICATI.

 

DAL 14 AL 30 SETTEMBRE SARÀ IN VIGORE L’ORARIO PROVVISORIO COME DA ALLEGATO 1.

 

PLESSO G. RODARI

Ingresso-uscita scaglionato:

·      Ore 8.15-8.30: ingresso sez. A, sez. C, sez. E

·      Ore 8.30-8.45: ingresso sez. D, sez. M, sez. B

·      Ore 8.45-9.00: ingresso sez. N, sez. O, sez. F

·      Ore 15.30-15.45: uscita sez. C, sez. E

·      Ore 15.45-16.00: uscita sez. D, sez. M, sez. B

·      Ore 16.00-16.15: uscita sez. N, sez. O, sez. F

I genitori dei bambini delle sez. A e C li accompagneranno (e li riprenderanno) presso la porta finestra esterna dell’aula dal giardino: lì ad accoglierli ci sarà l’insegnante. I genitori dei bambini della sez. D e della sez. O accompagneranno (e riprenderanno) gli alunni davanti le portefinestre del salone accedendo dal giardino: gli stessi si recheranno, sotto la sorveglianza del collaboratore, in aula. I genitori dei bambini della sez. M accompagneranno (e riprenderanno) i bambini presso la porta posta di fronte allo spazio mensa: ad accoglierli ci sarà l’insegnante. I genitori dei bambini della sez. N accompagneranno (e riprenderanno) i bambini presso la porta principale, adiacente lo spazio palestra: ad accoglierli sarà presente l’insegnante.

I genitori degli alunni delle sezioni B, E ed F accompagneranno (e riprenderanno) i bambini fino al pianerottolo alla fine delle scale del Piano Primo, accedendo dall’accesso posteriore tramite il giardino: gli stessi si recheranno, sotto la sorveglianza del collaboratore, in aula.

Saranno utilizzati tutti gli ingressi disponibili.

Mensa: in aula con lunch box, recupero spazi mensa per allestimento aule ulteriori.

   SEZIONE

ALUNNI ACCOLTI

ALUNNI IN ESUBERO

A (aula 5) PT

17

5

B (aula 1) P1

11

9

C (aula 7) PT

15

7

D (aula 4) PT

18

6

E (aula 14) P1

14

10

F (aula 12) P1

15

7

 

TOTALE ESUBERI

44

M

18

 

O

10

 

N

16

 

 

PLESSO B. MUNARI

Ingresso-uscita scaglionato:

·      Ore 8.15-8.30: ingresso sez. P e sez. I

·      Ore 8.30-8.45: ingresso sez. G e sez. L

·      Ore 8.45-9.00: ingresso sez. H

·      Ore 15.30-15.45: uscita sez. P e sez. I

·      Ore 15.45-16.00: uscita sez. G e sez. L

·      Ore 16.00-16.15: uscita sez. H

I genitori accompagneranno i bambini presso la porta esterna attraverso il giardino della rispettiva aula e lo stesso avverrà all’uscita.

Mensa: in aula con lunch box, recupero spazi mensa per allestimento aule ulteriori.

SEZIONE

ALUNNI ACCOLTI

ALUNNI IN ESUBERO

G (aula 2)

20

5

H (aula Mensa)

23

-

I (aula 1)

20

5

L (aula 3)

20

5

 

TOTALE ESUBERI

15

P (aula 4)

15

 

 

 

SCUOLA PRIMARIA

 

DAL 14 AL 30 SETTEMBRE SARÀ IN VIGORE L’ORARIO PROVVISORIO COME DA ALLEGATO 1.

 

PLESSO I. CROCE

Ingresso-uscita:

ore 8.15-16.15: classi 1/B, 1/C, 5/D, 5/F, GRUPPO LAB. 2 ingresso Piazza Marconi

ore 8.15-16.15: classi 3/C, 4/D, 4/E, 4/F, 5/E, GRUPPI LAB. 1, 3 ingresso Via dei Castani 1

ore 8.15-16.15: classi 2/B, 1/A, 2/C, 2/A, GRUPPO LAB. 4 ingresso Via dei Castani PALESTRA

Gli alunni entreranno e usciranno nei plessi dalle varie porte ciascuno in prossimità della propria aula:

PADIGLIONE EX PRESIDENZA: ingresso portico classi 5/D, 5/F; ingresso principale classe 1/C.

PADIGLIONE 1: ingresso principale sotto portico classi 3/C, 5/E, 4/D, 4/E, 4/F, GRUPPI LAB. 1, 3; ingresso scalette classi 1/B, GRUPPO LAB. 2.

PADIGLIONE 2: ingresso principale classi 2/A, 2/C; ingresso mensa classi 2/B, 1/A, GRUPPO LAB. 4.

Mensa: in aula con lunch box.

CLASSE

NUMERO ALUNNI

ALUNNI IN ESUBERO

3/C (aula 6) PT Pad. 1

15

4

5/E (aula 7) PT Pad. 1

16

5

4/D (aula 8) PT Pad. 1

16

4

1/B (aula 9) PT Pad. 1

18

4

3/A (aula plesso Benedetto XV)

18

-

4/F (aula 9) P1 Pad. 1

18

3

4/E (aula 8) P1 Pad. 1

16

2

3/B (aula plesso Benedetto XV)

18

-

5/D (aula 11) PT ex uff.

20

-

5/F (aula 12) PT ex uff.

17

3 (in 5/D)

2/A (aula 5) PT Pad. 2

16

7

2/C (aula 4) PT Pad. 2

17

5

1/A (aula 3) PT Pad. 2

18

2

1/C (AULA MAGNA) PT Pad. 2

22

-

2/B (aula 2) PT Pad. 2

17

5

 

TOTALE ESUBERI

41

GRUPPO LAB. 1 (aula 7) P1

14 (classi QUARTE e QUINTE)

 

GRUPPO LAB. 2 (aula 10) PT

6   (classi PRIME)

 

GRUPPO LAB. 3 (aula 10) P1 Pad. 1

10 (classi SECONDE)

 

GRUPPO LAB. 4 (aula 1) PT Pad. 2

11 (classi SECONDE e TERZE)

 

 

PLESSO R. DI FEO

Ingresso-uscita:

Gli alunni entreranno nei plessi dalle varie porte ciascuno in prossimità della propria aula.

ore 8.15-16.15: classi 2/D – 4/C – 4/A Ingresso cancello piccolo pedonale (piano terra ala vecchia)

ore 8.15 -16.15: classi 2/E – 3/E – 3/D – 3/F – GRUPPO LAB. 1 – GRUPPO LAB. 2 Ingresso cancello grande carrabile (piano 1 ala vecchia)

ore 8.15-16.15: classi 1/D – 1/E – 1/F – 5/A – 5/B – 5/C – 2/F – 4/B Ingresso cancello grande pedonale (piano terra e piano 1 ala nuova)

Mensa: in aula con lunch box recupero spazi mensa per allestimento 1 classe.

CLASSE

NUMERO ALUNNI

ALUNNI IN ESUBERO

2D (aula 1) PT

17

4

4C (aula 2) PT

17

4

4A (aula 3) PT

16

-

2F (aula 4) PT

18

-

1E (aula 5) PT

20

-

2E (aula 2) P1

17

5

3D (aula 3) P1

20

1

3E (aula 5) P1

16

7

3F (aula 7) P1

17

2

1F (aula 8) P1

21

-

5C (aula 9) P1

21

-

5A (aula 10) P1

20

1

5B (aula 11) P1

21

-

1D (biblioteca)PT

20

-

4B (spazio teatro)

22

-

 

TOTALE ESUBERI

24

GRUPPO LAB. 1 (ex 5A aula 6)

5 (classi QUARTE, QUINTE)

 

GRUPPO LAB.2 (ex 5C aula  8)

19 (classi SECONDE, TERZE)

 

SCUOLA SECONDARIA

 

DAL 14 AL 30 SETTEMBRE SARÀ IN VIGORE L’ORARIO PROVVISORIO COME DA ALLEGATO 1.

 

PLESSO I. CROCE

Ingresso-uscita:

ore 8.00-14.00: classi 1/C, 2/C, 3/C ingresso Via dei Castani palestra

ore 8.00-14.00: 1/A, 2/A, 3/A ingresso Via dei Castani 1

ore 8.00-14.00: 1/B, 2/B, 3/B ingresso Piazza Marconi

Gli alunni entreranno nei plessi dai vari ingressi ciascuno in prossimità della propria aula.

INGRESSO MENSA: 1/C, 2/C, 3/C.

INGRESSO SCALA ANTINCENDIO: 1/A, 2/A, 3/A, 1/B, 2/B, 3/B.

CLASSE

NUMERO ALUNNI

ALUNNI IN ESUBERO

2/A (aula 6-lilla) P1

16

5

2/B (aula12-gialla) P1

22

1

3/B (aula 11-blu) P1

20

2

1/B (aula13-smeraldo) P1

18

2

3/A (aula 4-celeste) P1

16

5

1/A (aula 3-verde) P1

17

2

1/C (aula 2-rosa) P1

17

2

3/C (aula 1-arancio) P1

17

5

2/C (aula 5-bianca) P1

14

3

 

TOTALE ESUBERI

27

GRUPPO LAB. (presso Zampieri)

15 (classi PRIME e SECONDE)

 

GRUPPO LAB. (presso Zampieri)

12 (classi TERZE)

 

PLESSO D. ZAMPIERI

Ingresso-uscita:

ore 8.00-14.00: classi 1, 2, 3.

Gli alunni entreranno dall’ingresso principale diviso in tre sezioni da segnaletica (cancello pedonale: classi PRIME; cancello carrabile: classi SECONDE corsia UNO, classi TERZE corsia DUE). Entreranno nell’edificio dai sei ingressi.

INGRESSO PALESTRA: classi che hanno ed. motoria in prima ora;

AULA ARTE: classe 3/E;

AULA MONTESSORI: classe 1G

SCALA ANTINCENDIO: classi 3D, 2F, 2G, 2 gruppi lab. MARCONI

INGRESSO PRINCIPALE: 1D, 1E, 1F.

                                       : 2D, 3G, 2E, 3F (utilizzando la scala di accesso al primo piano)

USCITA

Le modalità di uscita saranno le stesse di quelle di entrata.

CLASSE

NUMERO ALUNNI (non ci sono esuberi)

3/E (aula arte) PT

21

1/D (aula1) PT

19

1/E (aula 2) PT

19

1/F (aula 3) PT

19

1/G (aula archivio) PT

19

2/E (aula 2) P1

19

2/D (aula 4) P1

19

2/F (aula 6) P1

18

2/G (aula 7) P1

19

3/F (aula 1) P1

22

3/D (aula 5) P1

22

3/G (aula 3) P1

21

GRUPPO LAB. Croce (aula 8) P1

15 (classi PRIME e SECONDE)

GRUPPO LAB. Croce (aula 9) P1

12 (classi TERZE)

 

PLESSO UFFICI

·      Sistemazione area esterna Villino Marconi ex campo bocce per recupero spazio all’aperto e attività motorie.

 

Didattica

Le scelte didattiche dovranno tenere conto della fase di chiusura e di tutto ciò che il ‘restare a casa’ ha comportato dal punto di vista sociale, emotivo, relazionale e degli apprendimenti. In altre parole non si può pensare ad un rientro a scuola riprendendo da dove si era lasciato, come se nulla fosse successo nel frattempo. Non si potrà iniziare con il “dove eravamo rimasti?”.

Gli insegnanti, tutti, dovranno essere consapevoli - nella congerie di adempimenti ordinari e straordinari da predisporre per la ripartenza - che sarà necessario conoscere di nuovo ciascun singolo alunno, per ciò che ha vissuto e per come lo ha vissuto.

Per questo è stata ‘pensata’ una fase che definiremo di ‘accoglienza’ per tutti gli alunni: nuovi e già frequentanti. In conseguenza di ciò si è deciso di non prevedere una fase di recupero disciplinare a partire dal 1 settembre. Tutto quello che non è stato possibile espletare o completare nel precedente anno scolastico lo sarà, per tutti gli alunni, a partire dal 14 settembre.

Attività laboratoriali gruppi misti

Le attività didattiche laboratoriali coinvolgeranno alunni di alcune classi della Scuola Primaria dei plessi I. CROCE e R. DI FEO e di Scuola Secondaria del plesso I. CROCE. I gruppi accoglieranno, in alcuni casi, alunni provenienti da classi diverse, quelle in cui sono presenti numeri in esubero rispetto al piano di affollamento massimo COVID. Si tratterà pertanto di gruppi formati da alunni di età e livello differente, per questo motivo le attività proposte dovranno tenere in considerazione tale evidenza. I docenti potranno proporre progetti adatti ai vari gruppi (4 gruppi PRIMARIA plesso CROCE; 2 gruppi PRIMARIA plesso DI FEO; 2 gruppi SECONDARIA plesso CROCE) tenendo in considerazione che tutte le attività progettuali proposte dovranno:

  • Essere inclusive (presenza di alunni con disabilità, DSA, BES);
  • Basate su Didattiche Innovative (no lezione frontale-lineare);
  • Adatte a gruppi misti.

Per tali motivi e in considerazione del fatto che la scuola ha aderito a progetti e bandi su Service Learning, Agenda 2030, Realtà Aumentata (RA) applicata alla didattica, Robotica, Coding…le attività progettuali dovrebbero tenere in considerazione tali proposte.

Il fatto che, quotidianamente e a rotazione, gruppi di alunni partecipino a tali attività uscendo dalla propria aula e classe, impedirà loro di seguire le attività che, contemporaneamente, i docenti proporranno.

Come ovviare a tale ‘perdita’?

Si è pensato di implementare modalità di ‘Flipped Education’ in un’ottica di pedagogia differenziata e apprendimento a progetto. Il docente in classe proporrà gli argomenti, gli items, e assegnerà dei materiali (video, letture, attività…) che gli alunni consulteranno a casa ciascuno con propri tempi e stili, ma anche condividendo, attraverso la piattaforma G-suite, eventuali difficoltà o opportunità in un’ottica inclusiva. In classe, successivamente, ci sarà la condivisione di quanto appreso. L’insegnante dovrà ovviamente dedicare del tempo distribuito su più giorni per permettere a tutti gli alunni di partecipare a tutte le fasi.

 

Le misure di prevenzione e protezione indicate e le modalità organizzative proposte sono frutto di un’approfondita analisi documentale e si basano su un lavoro attento e scrupoloso effettuato in questi mesi da una commissione appositamente costituita in costante relazione con USR e Ente Locale. Affinché tali misure e modalità possano dare frutti positivi si chiede a tutti i lavoratori, agli alunni e alle loro famiglie un profondo e assiduo senso di responsabilità, nel rispettare le misure igieniche e il distanziamento e si confida sulla collaborazione attiva di tutti nel continuare a mettere in pratica i comportamenti previsti per il contrasto alla diffusione dell’epidemia.

 

“Barbiana, quando arrivai, non mi sembrò una scuola. Né cattedra, né lavagna, né banchi. Solo grandi tavoli intorno a cui si faceva scuola e si mangiava”.

(Don Lorenzo Milani. Lettera a una professoressa)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella COOKIE POLICY.
Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.